Home Guida all’acquisto: scegliere la Stufa a Fungo

Guida all’acquisto: scegliere la Stufa a Fungo

Le ultime giornate di sole della stagione lasciano spazio alle prime brezze. Non fatevi cogliere impreparati!

Come scegliere al meglio la propria Stufa a Fungo? Ci sono diversi fattori da considerare, non da ultimo il prezzo. Scopriamoli tutti su ProduceBlog!

Quando arriva l’inverno (ma in certe località anche l’autunno non scherza) c’è un pensiero che assale tutti contemporaneamente: riscaldamenti! Se per la casa abbiamo diverse soluzioni, più o meno incentrate su design e praticità, per gli esterni il discorso è più complesso. Tenere al caldo uno spazio aperto, infatti, richiede uno sforzo più significativo, dovuto principalmente alla dispersione. Una soluzione che ha preso piede negli ultimi anni è sicuramente la stufa a fungo, o fungo riscaldante; si tratta di un dispositivo non solo molto funzionale ma, dettaglio importante sopratutto per bar e ristoranti, anche bello da vedere.

Il catalogo di ProduceShop è sicuramente ben fornito, ma vogliamo regalarvi qualcosa in più; nell’articolo di oggi, una guida all’acquisto completa ed esaustiva, per poter scegliere con cura e senza nessun dubbio il vostro fungo riscaldante.
Pronti a scoprire qualche dettaglio insieme? Leggiamo subito!

Fungo Stufa Esterno Riscaldante A Gas Gpl Luci LED DolceVita E.P.

Un buon alleato per bar e ristoranti

Dato che il riscaldamento domestico è normalmente gestito centralmente, questo genere di riscaldatori indipendenti è sicuramente più adatto per gli esterni.

Lo sanno bene i gestori di bar e ristoranti; se non tutti possono allestire una zona chiusa fuori dal proprio locale, in tanti però devono offrire un servizio all’aperto per ogni stagione. Per creare un ambiente confortevole anche alle temperature più basse, specie nelle zone più fredde, una stufa a fungo riscaldante è la soluzione migliore; la superficie riscaldata è sicuramente più ampia di molte altre soluzioni, e la possibilità di scegliere un accessorio che si sposi bene con i propri arredi è un vantaggio non indifferente.

Non sono però solo un’esclusiva dei locali: anche un giardino molto grande a casa può necessitare questo tipo di riscaldatori indipendenti. Ecco perché sceglierne uno con cura è qualcosa che interessa tutti. Partiamo quindi dalle basi: la tipologia di stufa a fungo.

Stufa Riscaldante Piramide Gas Metano Esterno Bar Ristorante Falò Evo

Quale stufa a fungo?

Esistono diverse tipologie di riscaldatori a fungo, ognuno con i suoi vantaggi e svantaggi. La prima cosa da valutare quindi è proprio questa; in base al tipo, cambiano sicuramente tutte le altre caratteristiche tecniche su cui concentrarsi.

Le tipologie fondamentali, e più comuni in commercio, sono 3:

  • stufa a fungo a gas: si tratta di un modello autonomo, che quindi non dipende da una fonte energetica a cui essere collegato a distanza. Il gas utilizzato può essere GPL o metano, a seconda del modello che si vuole scegliere e delle proprie preferenze. Si tratta di una delle tipologie più performanti in termini di calore prodotto e di area riscaldata, ma va posizionato sempre e solo all’esterno, per evitare esalazioni da combustione o rischi con la bombola di gas (di solito da 12/14 litri) all’interno;
  • stufa a fungo elettrica: dipendendo dalla rete elettrica, questo modello va collegato con un cavo di corrente, risultando quindi legato alla distanza dalle prese vicine. Dipanandosi il calore per irradiamento, la temperatura sarà più alta quanto più si sarà vicini all’elemento irradiante. Non tra i modelli più performanti ed economici, ma di sicuro leggero e semplice da utilizzare;
  • stufa a fungo a pellet: altro modello autonomo, molto interessante perché, oltre a essere assimilabile ad alcuni modelli domestici, nasconde numerosi vantaggi. Innanzitutto è tra i modelli più performanti, sia in termini di potenza calorifica, sia per quanto riguarda l’area riscaldata intorno al fungo. Inoltre, il pellet è tra i materiali combustibili più a buon mercato, rendendo i consumi di questa stufa e la relativa spesa più economica di altri modelli. Infine, a livello di sicurezza, si tratta di una delle tipologie migliori, tra le più stabili (in termini di peso) e tra le meno fastidiose.

Come scegliere la Stufa a Fungo Riscaldante?

  1. Autonomia

    Se una stufa a fungo elettrica non avrà bisogno di essere ricaricata, e sarà sempre accesa una volta attaccata alla corrente elettrica, quelle a gas o a pellet hanno un’autonomia specifica in base alla ricarica e al materiale combustibile. L’autonomia varia in base a 3 dettagli: al tipo di combustibile (il pellet brucia più lentamente del gas), alla dimensione dela serbatoio (e quindi alla quantità di combustibile) e alla potenza e tempo in cui la stufa rimane accesa.

    Tavolino Rotondo Ø 80cm Stufa Fungo Riscaldante A Gas Da Esterno DolceVita
  2. Materiali

    I materiali della stufa a fungo riscaldante devono essere valutati tenendo conto anche dell’ambiente che la ospiterà. Rimanendo fuori al freddo e, plausibilmente, stando a contatto con l’umidità, quando non con le intemperie, sarebbe sempre meglio affidarsi a materiali resistenti e duraturi, che non subiscano gli effetti del tempo e degli agenti atmosferici. L’acciaio rimane certamente il materiale più indicato, sia per la sua resistenza ai vari agenti esogeni, sia per le caratteristiche meccaniche che favoriscono, tra le tante cose, una diffusione del calore uniforme e costante. Alcuni modelli, infine, sono in alluminio, materiale noto per leggerezza, resistenza e versatilità d’uso.

  3. Dimensioni e Peso

    In relazione allo spazio in cui andrete a riporre la vostra stufa a fungo, calcolate bene le dimensioni su cui orientarvi e l’eventuale ingombro. Se a livello di larghezza (o diametro) non si tratta di stufe molto ingombranti, spesso l’altezza può rappresentare un limite, specie se dobbiamo sistemarle sotto un gazebo o una struttura. Calcolate quindi sempre almeno 2m di altezza disponibile, fino a circa 250cm, in modo non solo da avere l’altezza necessaria per sistemarla, ma anche per garantire la giusta irradiazione e diffusione del calore. Infine, specie in caso dobbiate spostarle spesso, prendete in considerazione il peso; questo può cambiare sia in base a materiali o eventuali accessori, sia in base alla fonte di riscaldamento, dato che bombole di gas e pellett hanno un peso considerevole all’interno.

    Stufa Fungo Riscaldante A Gas Metano Esterno Bar Ristorante DolceVita
  4. Portata

    Per portata della stufa a fungo, o irragiamento, denota l’area riscaldabile dalla stufa in relazione alla sua potenza e alla superficie riscaldabile. Queste ultime due sono i parametri tecnici da controllare al momento della scelta; più sono alte, più aumenta anche la portata. State attenti comunque a non ragionare per difetto; se un riscaldamento più alto può essere ridotto per adattarlo alle proprie esigenze, in caso di sottopotenza rischiate invece di lasciare qualcuno “al fresco”.

  5. Marcatura CE e Sicurezza

    La norma di riferimento a riguardo e chiara: ogni stufa a fungo (o termofungo) deve assolutamente possedere il marchio CE. Questo per rassicurare l’utente non solo sulla qualità costruttiva, quanto sul rispetto delle norme di sicurezza imposte sia lato assemblaggio che utilizzo. Inoltre, quelle a gas devono far riferimento alla direttiva 2009/142/CE mentre per lo stoccaggio alla norma UNI 7131. Le elettriche, infine, devono assicurare uno standard di protezione IPX4 contro l’acqua.

    Fungo Stufa Esterno Riscaldante A Gas Gpl Luci LED DolceVita E.P.
  6. Budget

    Come sempre, un occhio al budget. Se state arredando il dehors del vostro bar o ristorante, spendere una cifra adeguata per offrire un servizio ai vostri clienti non è nemmeno da discutere; il ritorno sulla spesa sarà garantito dai risultati del vostro investimento, e dai rientri in termini di prestazioni. Se invece volete aggiungere un plus al vostro giardino o balcone, cercate di valutare una soluzione quanto più economica in relazione ai vostri spazi, ma senza rinunciare alla qualità.

Abbiamo tutte le informazioni necessarie? Ottimo! Non vi resta che fare un giro sul catalogo aggiornato di ProduceShop, e scegliere subito la Stufa a Fungo Riscaldante perfetta per il vostro dehors. Non ve ne pentirete al primo gelo!

Stufa riscaldante esterno bar ristorante gas GPL con tavolino Solflame
Stufa riscaldante da esterno a gas GPL per bar ristorante Kaliente M
Custodia cover protettiva antipioggia per braciere esterno a gas Etna
Ruote per trasporto stufa riscaldante piramide esterno a gas Falò Evo
Kit luci LED batteria Litio stufa fungo riscaldante a gas esterno DolceVita
Kit luci LED batteria stufa fungo riscaldante a gas esterno DolceVita
Cappello diametro Ø 75cm stufa fungo riscaldante esterno DolceVita
Tavolino per stufa riscaldante a gas esterno piramide Falò Evo